Il filo invisibile, vol. 1

Gradimir Smudja riprende i personaggi dell’adolescente Luna e del geniale gatto Vincent, già apparsi nel suo bestseller “Vincent e Van Gogh”, catapultandoli in un viaggio incantato nella storia dell’arte seguendo un misterioso filo rosso che li porterà a incontrare, nelle grotte di Lascaux, il primo misterioso artista della storia, e poi il genio incontenibile di Leonardo da Vinci e l’ambizioso e perfezionista Michelangelo, Durer tormentato da incubi in bianco e nero e poi ancora l’umanità di Brueghel, l’eleganza di Rubens, il grottesco mondo di corte di Velazquez, gli specchi deformanti di El Greco, l’illusionista Rembrandt, le messe a fuoco di Vermeer

Il filo invisibile, vol. 2

Il viaggio continua e Luna e Vincent, guidati sempre dal filo rosso, fanno la conoscenza di altri maestri della storia dell’arte: Watteau e il suo rapporto conflittuale con Luigi XIV, Goya che combatte con i suoi istinti bestiali, David il cantore della Rivoluzione Francese, il burrascoso Turner e ancora il saggio maestro Hokusai, gli amici Gericault e Delacroix, i caotici e bizzarri impressionisti, e infine il tragico Van Gogh, Klimt e il suo discepolo Shiele, Magritte, Munch e Picasso, che chiude il viaggio magico dei due protagonisti suggerendo una strana idea, ovvero che l’arte è legata da un filo rosso che finisce nello stesso punto dove comincia…

Si conclude l’epopea di Gradimir Smudja attraverso l’arte, le sue epoche e i suoi protagonisti.

Vincent e Van Gogh

Chi era Van Gogh? Un genio, un pittore inimitabile, un artista sublime, un’icona culturale… O un impostore? Siamo sicuri che sia lui l’autore di quei quadri che al giorno d’oggi vengono considerati inestimabili patrimoni dell’umanità? L’autore di questo libro ha svelato l’inganno. Van Gogh altri non era che un bugiardo, un millantatore che ha sfruttato il lavoro di un suo caro amico: un talentuoso gatto di nome Vincent, un felino caratterizzato da un estro artistico fuori dal comune e dalla voglia di cacciarsi sempre nei guai. Ma qual è stato il loro rapporto, il loro legame che li ha costretti a vivere insieme in quella casa gialla situata ad Arles, in Provenza?

Ve lo racconta Gradimir Smudja.